CooperAction Onlus presenta la mostra “Afghanistan: i nodi della guerra” che si terrà dal 24 gennaio al 1° febbraio a Roma presso il Centro Giovanile GP2, in Vicolo del Grottino 3b.

Giovedì 24 gennaio alle 19.00 all’interno della “Cripta Borromeo”, una lunga sala curva situata al di sotto dell’abside della Chiesa di San Carlo al Corso, sarà inaugurata la mostra dei “Tappeti di Guerra” afgani annodati durante il periodo dell’invasione sovietica e ancora oggi prodotti come risultato della occupazione anglo-americana.

Questi manufatti mostrano una delle innumerevoli testimonianze dell’ultimo trentennio di storia che ha tormentato l’Afghanistan. Nonostante il loro contenuto “guerresco”, audace in una location così sacra, questi tappeti vengono utilizzati per fini più nobili: promuovere Calpesta la guerra, la campagna per la Pace e il rispetto dei Diritti Umani in Afghanistan. Oltre all’esposizione dei tappeti di guerra, saranno presentate le pubblicazioni “Guerre a Tappeto” di Edoardo Marino e “Florilegio Afgano” di Vincenzo La Salandra, entrambe edite da GB Editoria.

 

Questo articolo è stato inserito Tuesday 15 January 2013 alle 5:02 pm.
Argomento: Moderni.

Nessun messaggio, Scrivi il tuo messaggio oppure Ping

Rispondi a “Afghanistan: i nodi della guerra”